Quando mi sveglio la mattina
già l’avverto dentro me,
Forse sta li dal giorno prima
o si riaccende col caffè,
Sento una strana melodia
che si fa spazio dentro me,
ma c’è una voce giù in cucina:
antò nu’ fa abrucià o’cafè!

E nel bel mezzo dei discorsi
bollette, affitto e pulizie,
con la mia penna batto i quarti
e in testa sogno melodie
lo so non è che è proprio un vanto
e il dilemma è proprio qua
ma lo sento nelle vene
e po’nun saccio c’aggia’ fà

La gente dice che so’ Funk…..azzista
Forse sarà perché faccio l’artista
E passo i giorni a fare il Funk……azzista
Ma è sempre meglio che esser conformista

Il tema è stato già trattato
dai veri lavoratori
quelli seduti in parlamento
che non scrivono canzoni
“Il vostro è un mondo di incertezze, sogni, farse ed illusioni
non si può vivere una vita se vuoi scrivere canzoni
abbandonate le incertezze, non date ascolto alle emozioni
noi qui vi offriamo un mondo nuovo fatto di cassa integrazione”

La gente dice che so’ Funk…..azzista
Forse sarà perche faccio l’artista
Ma forse è meglio essere Funk…..azzista
Che stare a dir’qual’ è la cosa giusta

La gente dice che so’ Funk…..azzista
Forse sarà perche faccio l’artista……..
E passo i giorni a fare il Funk……azzista
Ma è sempre meglio che esser qualunquista