St’Italia nun me piace cchiu,  comm’aggia fa
a gente un se’ncazza cchiu,  e tira a campà
Andare via è difficile,  però ti servirà
respiri e torni a credere,  e arop’ vuo turnà
e allora, credi, in un idea, sogna, se non ci provi po’nun tè lamentà

Sai guagliò je stò facendo nu gruppo
sto cercanno nu bassista ca sta chino e groove
o’saccio ca nun tien’ tiempo pe’ parlà
però si cerco su facebook, te pozz’ truvà.
Na cosa ca’ me manca a me è a comunicazione

nu cafè e doje parole, annanz a stazione

chi sa nuje qunte cose ce faccimme passà
perche o munno va e pressa e n’ce putimm ferma

Le nuove idee non mancano, ma pe’ te fa notà
si nu’ te spogli’ o sai ballà, chi to’ fa fà
e allora, credi, in un idea, sogna, se non ci provi po’nun tè lamentà

Sai guajò je tengo nu progetto
sto cercanno nu sassofono o nu clarinetto,
o’saccio ca nun tien’ tiempo pe’ pruvà
però si esce na serata t’aggia telefona.
‘A gente nun capisce ca accussi n’s’fa niente
ca’ si primma nun daje, nu’ può prtendere niente,
ò contadino a terra zappa tutt e juorne
mica vene solamente qundo s’adda magnà

Nu’ te’ lamentà my friend….  E nu’ te’ fermà my friend
Nu’ te’ fà mbruglià my friend…  E nun cagnà my friend
Nu’ te fe accattà my friend…  Pienz’ a sunà my friend

Costanzo e a De Filippi, me fanno saglì o grippo
Emilio e Lele Mora, ca sa’accatano e guaglione
scrittori e giornalisti, nfaccia a croce comm a Cristo
nun cè stà cchiu informazione, senza Silvio Berlusconi

Famosi n’coppa ‘a spiaggia, me fanno veni a rraggia
se sfruttano e creature, vecchi, disabili e ricchioni
e giovani ribelli, ca’ vonno je o’Grande Fratello
ministri e deputati, ca’ se tirano a ‘nzalata.